Translate

sognando....

sognando....

sabato 28 ottobre 2017

LA CINA E' VICINA



                                                                 

Moltissimi quartieri delle nostre città, sono stati invasi da veri e propri supermarket  cinesi, che, a prezzi davvero modici offrono mercanzie di tutti i tipi.
Il fenomeno si è ulteriormente allargato negli ultimi tempi, tanto che in un antico  e tradizionale borgo di Roma, Piazza Vittorio, non esistono più botteghe italiane,  ma solo negozi e cineserie svariatissime.
Questo evento, mi ha molto meravigliato, perché quando ero piccola frequentavo  spessissimo quella zona, con mia nonna, e l’atmosfera prettamente romana che vi  si respirava aveva un fascino particolare e unico.
Ma come si suol dire, il tempo modifica tutto, e talvolta, non in modo gradito…ma  poi ci si abitua alle novità, anche alle invasioni inaspettate.
Ora i cinesi, oltre a offrire pranzi economici in ristoranti tipici, fanno anche la concorrenza  ai parrucchieri italiani, praticando tagli modernissimi a un costo irrisorio.
Quindi immagino che se il “contagio giallo” prosegue a ritmi così serrati, nel giro di  qualche trentennio l’economia italiana, già in ribasso, non avrà più motivo di esistere..
@Silvia De Angelis

15 commenti:

  1. hai toccato un argomento molto importante, ci sarebbe molto da dire. La mia bellissima Roma è cambiata, si è dovuta adattare e così a perso un pò della sua magia su questo hai ragione...un abbraccio carissima e buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. Creo que ese fenómeno no es solo en tu barrio , aquí donde yo resido pasa lo mismo la calle principal las tiendas son exclusivas de ellos , tanto en peluquería , como tiendas de ropa y de accesorios , los precios son muy competitivos y como es lógico si tienes que comprar y no tienes dinero ¿donde vas a lo más económico ? , el problema que yo veo es que como dices dentro de unos 30 años no tal antes la economía del país de origen irá al traste y dependeremos de los Chinos.
    En fin bajo mi punto debería haber una normativa para controlar estos establecimientos.
    Bueno no más jajajajjaj no seré yo pesimista .
    Te deseo un buen sábado y un abrazo largo de finde.

    RispondiElimina
  3. Está ocurriendo en toda Europa, ellos se instalan comercialmente. al principio un tipo de comercio pero ahora ya están presentes en todos los gremios, y es curioso que mientras de otros lados se mezclan unos con otros los chinos no se casan nada mas que con chinos. Es su modo de invadirnos, en unos años, serán mayoría. Abrazos

    RispondiElimina
  4. Olá, a invasão das lojas chinesas invadiram a Europa com artigos que deixam muito a desejar na qualidade, cada vez mais a pequena loja simpática vão desaparecendo, onde vai chagar o negocio chinês?.
    Feliz semana,
    AG

    RispondiElimina
  5. si hai ragione anche qui da noi e cosi, i prezzi bassi fanno gola e quindi il mercato cinese prospera nonostante lascino un po dubbiosi sulla qualita di cio che vendono o ci mettono in testa, chiudono i nostri negozi e spuntano quelli come funghi, anche al mercato ormai ci sono tante bancherelle cinesi, speriamo che si fermi solo al mercato giallo perche piu andiamo avanti siamo sempre piu circondati da diverse etnie di persone difficile abituarsi anche perche e sempre a nostro scapito, ciao grazie buona settimana.)

    RispondiElimina
  6. E, sono d'accordo con te Silvia che l'economia italiana è in ribasso. Quello che dispiace molto, è che le nostre tradizioni, i nostri usi e costumi, ormai, in buona parte, sono stati cancellati. E viene la nostalgia per come eravamo, e come erano più ordinate le nostre città. Ogni volta che qualcosa cambia: se ne va un pezzo della nostra vita. Adesso la vita di noi tutti evolve a velocità allucinante, ma non va sempre per il meglio. Fra un pò ci sentiremo estranei ed isolati nelle nostre culture. Ciò anche per il fatto dell'altra invasione che, col tempo, porterà ad una trasformazione etnica. E qui mi fermo. Una valida riflessione che, credo sia nella mente di tutti noi che guardiamo il nostro quotidiano cambiare giorno per giorno. Buon inizio di settimana carissima!

    RispondiElimina
  7. é a realidade que vamos tendo, em Portugal também acontece o mesmo.
    Uma boa semana.
    Saluto

    RispondiElimina
  8. Ci stiamo avviando ad essere un popolo di venditori di servizi e di pochi ma inimitabili artigiani, purtroppo! forse si salverà solo l' agricoltura, ma quella biologica! Sono troppe le importazioni che ci sono propinate...un post molto interessante!

    RispondiElimina
  9. È diventato un fenomeno mondiale. A Buenos Aires è pieno di supermarket ed hanno anche un quartiere, giá da molti anni, tutto loro e pieno di negozi con prodotti cinesi. Una vera invasione.
    Tanti cari saluti, Silvia.

    RispondiElimina
  10. Infelizmente não é só ai, essa invasão tem ocorrido em todo o lado! Beijinhos e boa semana.
    --
    O diário da Inês | Facebook | Instagram

    RispondiElimina
  11. É mesmo verdade isso! beijos praianos, tudo de bom,chica

    RispondiElimina
  12. Silvia.. Milano è cosi da anni oramai. Quartieri in cui è impossibile prenetarci, anche per i vigili. E stanno nascendo altri quartieri "stranieri" in cui lo stato italiano ne è totalmente fuori.
    .. Io vivo in un paesino in provincia di Milano.. per ora qua siamo rimasti uguali. Speriamo.
    Ezio

    RispondiElimina
  13. Hoy a ti y a otros amigos que os habéis hecho seguidores os he dado la bienvenida en mi blog. Abrazo

    RispondiElimina
  14. Hola, Silvia… Vengo desde el blog de Ester. Me gusta lo que he visto; belleza e inspiración, además de temas interesantes por los que reflexionar… Será un placer conocer más tu blog y tus sentires, así que, si me lo permites, por aquí me quedo…

    Bsoss, y feliz tarde 😊

    RispondiElimina
  15. Hola, vengo del blog de Ester, he curioseado un poco y me va gustando lo que veo, ya iré poniéndome al día. Me quedo aquí, tienes a una nueva seguidora.
    Desde Sevilla, saludos cordiales.

    RispondiElimina