Passa ai contenuti principali

STRANI UMORI

 


Ormai abbiamo imparato tutti a non meravigliarci più sugli atteggiamenti inspiegabili, e quantomai strani, del nostro prossimo.

Infatti il senso della coerenza, sembra appartenere a tempi lontanissimi, quando i rapporti trapersone, erano più semplici, e ogni conversazione e atteggiamento erano conseguenziali.

Oggi la gente si comporta in un modo strano, e un  soggetto che fino a ieri salutava, al buongiorno, improvvisamente, gira il volto da un’altra parte, e ci ignora….

Oppure individui, che fino a ieri, si facevano vivi con una piacevole telefonata, spariscono  del tutto dal nostro orizzonte, e ci vediamo costretti “ad archiviarli” nel dimenticatoio.

E’  pur vero che la vita odierna è molto complicata, ed è assai difficile riuscire a stare al passo contutte le problematiche quotidiane, che presenta, ma il buon senso sembra essere sparito completamente dall’ottica del momento, e ci si trova improvvisamente proiettati in una moltitudine di essere sconosciuti…

All’inizio questo tipo di atteggiamento mi feriva moltissimo, ma nel tempo, ho imparato a non farmi più domande, cercando di avere rapporti, solo con gente coerente, e presente, con cui interloquire gioiosamente.

Un altro punto su cui riflettere riguarda l’eventualità di un’uscita insieme ad un’altra persona, che guarda caso, si rimanda all’infinito per  poi non avvenire “mai più”. Allora sorge spontanea la domanda : quanto è intenso il desiderio di frequentarsi? Forse si è eclissato nel nulla, e allora perché continuare a conversare insieme?

Non parliamo poi di quei soggetti  che improvvisamente aggrediscono, con un comportamento ineducato, e al di fuori di qualsiasi logica, che ci lascia completamente spiazzati, e  ci mette in una situazione di notevole disagio….eppure succede!

Infine ci si circonda solo di quegli essere affidabili, che conosciamo da una vita, e che difficilmente ci deludono, anche se il loro cerchio è troppo ristretto!

@Silvia De Angelis 

Commenti

  1. Ciao Silvia, è un'amara realtà che giorno dopo giorno ci delude sempre più.
    Non esistono più le buone maniere , chi diceva di essere amico si defila senza un vero motivo.
    Buon fine settimana
    Rakel

    RispondiElimina
  2. Creo Silvia que la situación que hemos pasado realmente ha cambiado la forma de acuar de muchos, o quizás no sean fieles en sentimientos y a la menor causa desaparecen, si es así...no perdemos gran cosa, lo aceptamos y seguimos caminando y aprendiendo en todo caso
    Una buena reflexión
    Un abrazo

    RispondiElimina
  3. La vida es cambio pero si tu interior esta tranquilo Silvia, solo seran intrascendentes olas las que pasen sin profundizar en nada, abrazos para ti

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

FASCINO D'UN INCONTRO CASUALE

A volte ci meravigliamo moltissimo per la nostra spontaneità ad aprire il nostro cuore, in quegli incontri casuali ed inaspettati della vita. Talvolta accade in una strada qualsiasi, di soffermarci a parlare con persone che vediamo per la prima volta e che suscitano ,istintivamente, in noi della simpatia. Si instaura, quasi immediatamente un dialogo interessante, accentuato da pensieri comuni, spesso per quanto  riguarda la città in cui si vive o i negozi di una particolare strada che si frequenta. Dopo poco tempo sembra ai due interlocutori di conoscersi da sempre e di avere una incredibile affinità di mente. I discorsi si fanno sempre più piacevoli e profondi e si narrano degli aneddoti di vita successi, nei quali trovare anche il lato comico e giungendo a delle considerazioni che  accrescono l’intensità del dialogo. Francamente ci si apre con più facilità, perché sappiamo che quelle persone non fanno  parte del nostro contorno, e la conversazio

L'ABITUDINE

Sembra rincorrerci quotidianamente lei….l’abitudine. In sordina ci suggerisce le azioni  memorizzate nei giorni precedenti affichè noi, col migliore dei nostri virtuosismi, mettiamo alla prova la nostra  abilità nel migliorare le azioni rituali,con l’avvento del nuovo giorno. Ma noi non sembriamo pimpanti per la scioltezza della nostra gestualità e il suo imprimerci certezze, nel tempo che fugge…. questa ossessiva sensazione, anzi, finisce col darci lo stillicidio mentale, per il suo assillante  ripetersi. Si instaura uno strano meccanismo di repulsione per tutto ciò che è uguale, facendo scattare un molesto desiderio d’evasione da tutte quelle mosse che decollano dallo stesso hangar e propongono il medesimo itinerario. La voglia di modificare quelle circostanze, disinstallando piani prestabiliti,  diventa irrinunciabile opzione da rincorrere….. Anche diversificare l’annoso percorso quotidiano sembra  essere una svolta importante e attraente in quel suo 

"C I A C O L E"

A volte bastano due parole e ci si sente affini a un’altra persona, anche se sia  di età diversa o altro sesso. Anzi, si conversa assai piacevolmente con conoscenze  casuali, talvolta, che non   con persone dei nostri dintorni….Uno sguardo amico, e tanta sincerità, sono i presupposti per dialogare serenamente, commentando i nostri  punti di vista e anche le cose che ci disturbano nel quotidiano….Effettivamente  non sono poche, queste ultime, perché la vita sembra essersi complicata sempre  di più e rincorrere tutte le cose da sistemare, giornalmente, non è cosa facile. Eppure “quel ciacolare”, magari sul marciapiedi o al supermercato, con un altro  essere umano, acquista di valore, evidenziando quanto nell’esistenza sia necessario  stringere rapporti col prossimo, comprendendo quanto le cose che ci accomunano  agli altri ci rendono più sicuri, nel percorso….. @Silvia De Angelis