DINAMICHE DEL CUORE riflessioni di silvia de angelis

Translate

giovedì 2 maggio 2019

IL TERREMOTO




Improvvisamente un boato, diverso dal rumore d’un tuono e poi un sussulto inaudito  che sfocia nel forte tremolìo  della terra e tutto si muove d’intorno in modo inconsulto…

Ecco il terremoto, inaspettato cataclisma, che sa incutere  interminabili attimi di panico.

La mente in pochi secondi gestisce immagini terrificanti  e l’istinto di sopravvivenza avanza a grandi passi con  velocissime mosse portate alla salvaguardia della propria  persona, allarmata da una situazione di forte pericolo.

Non c’è tempo di pensare, si deve correre al di fuori delle  mura dell’abitazione, all’aperto, possibilmente lontano  da fabbricati, che potrebbero sbriciolarsi da un istante allo  altro.

Le scene che seguiranno, dopo il sisma, saranno terrificanti  per la loro violenza… un ammasso di detriti ed edifici  distrutti o semidemoliti, fra gli sguardi della gente ancora  attonita e sbigottita per aver vissuto ed avere ancora il dono  della vita, dopo un evento di tale portata.

Organizzati nelle tendopoli, in uno stato di precarietà ed  emergenza, in parte sono felici di aver avuto salva la vita,  ma molti di loro hanno perso la casa e forse anche il lavoro.

Situazioni davvero drammatiche, che la vita, che bisogna  sempre considerare un’avventura, può riservare insieme  ad altre, di natura imprevedibile che portano a riflessioni  profonde e alla considerazione di quanto, soprattutto, siamo fragili, di fronte all’inaspettata forza della natura,   che non finisce mai di sbalordirci con le sue incredibili  performance
@Silvia De Angelis


domenica 21 aprile 2019

PUNTI DI VISTA




Ogni persona che frequentiamo, con cui parliamo, ha un carattere diverso e dei punti  di vista, del tutto personali, che dipendono da tantissime motivazioni.

Fra queste, si possono citare l’ambiente in cui questo individuo è vissuto e si è formato giorno  per giorno, la sua cultura, le sue esperienze e la benevolenza della vita (cosa da non sottovalutare,

nella matrice d’esistenza).

Già perché il cammino, non ha le medesime andature per tutti….alcuni, fortunati, hanno  delle buone prerogative per dei passi semplici, altri, viceversa sono costretti a “delle virate  paurose”, in prossimità di calamità frequenti….(chi crede alla reincarnazione pensa che  costui

sia punito per i suoi “malfatti” della vita precedente!)

Comunque visto che, in linea di massima, ognuno di noi propone dei pensieri e delle osservazioni  mentali variegate, siamo costretti ad un linguaggio sempre calibrato, a seconda di chi abbiamo  davanti.

Non si tratta di falsità, ma certamente d’una misura cautelare,nell’ambito d’un argomento   per non trovarsi a dover affrontare polemiche o motivazioni del tutto discordanti, con una

persona con la quale si può avere un rapporto armonioso.

Non amo le maschere, ma credo che, in determinate situazioni, sia davvero necessario, dover  indossare quella dell’attimo, per non trovarsi in un orizzonte oscuro, dal quale sarebbe poi  difficile fuggire…
@Silvia De Angelis 2018

domenica 14 aprile 2019

TAGLIO DI LUCE


Quelle sofficità segrete, celate nel nostro io, ci coccolano di tanto in tanto.

Sono piccoli segreti, che teniamo stretti a noi, per paura che qualcuno possa carpirne l’intensità e toglierci una parte di quel piacere che ci appartiene fino in fondo.

Conviviamo tutti con i nostri segreti, di qualsiasi natura essi siano, e ci

crogioliamo nella loro essenza, traendone un notevole beneficio.

E poi perché dire a chicchessia una cosa del nostro profondo? Potrebbe non condividerla e smontare quell’alone di benessere che ci siamo costruiti giorno per giorno e nel quale ci piace soggiornare di tanto in tanto.

Immagini del passato, o anche d’un recente presente, che riescono a dar colore a quei momenti bui che la vita ci riserva e che superiamo, anche per merito di quel bagaglio di “cose nascoste”, che rafforzano positivamente il nostro ego.

Forse nel tempo che va, si sfumano quelle preziose icone, scolorando i

loro contorni, ma il contenuto fondamentale sarà sempre presente in noi, donandoci un piccolo taglio di luce

@Silvia De Angelis